“Giochiamo che io ero…”. A tre, quattro, cinque anni i bambini cominciano a interagire con amici, fratelli e sorelle, in un crescendo di giochi che hanno come punto di partenza l’imitazione delle attività dei grandi. Allora via ai travestimenti, alla cucina e agli attrezzi da lavoro, le maschere e i colori per dipingersi il viso. Il gioco di ruolo e quello simbolico cominciano a prendere uno spazio sempre più importante, permettendo ai bambini di sperimentare l’interazione coi compagni di gioco attraverso l’assegnazione di ruoli, l’utilizzo di oggetti “come quelli dei grandi”, l’elaborazione di storie e avventure sempre più articolate. I giocattoli più amati in questa fase saranno dunque le cucine grandi e piccole, i piatti e gli alimenti, i costumi delle professioni così come i banchi da lavoro e gli attrezzi. Per questo motivo Città del sole ha pensato a una gamma completa e varia di proposte che soddisfano sia i bambini per la ricchezza di dettagli e la facilità d’uso, che i grandi per la qualità dei materiali utilizzati e la loro sicurezza.