Nasce agli inizi degli anni 50. Oggi, alla seconda generazione, continua con entusiasmo l'impresa di famiglia sulle stesse basi di allora: fare giocattoli che parlano le parole dei bambini e delle loro reali esigenze di crescita. Tutta l’attività è concentrata nella sede di Torino, con un controllo a 360 gradi sui processi produttivi, sulle tecnologie e sui materiali impiegati. Ideazione, concept, ingegnerizzazione, rendering, costruzione stampi, stampaggio ad iniezione, assemblaggio, packaging, confezionamento, tutto è finalizzato al raggiungimento del massimo risultato: essere in grado di offrire ai bambini una ricca gamma di esperienze, per creare un interesse che non si esaurisca in fretta, ma che duri nel tempo, per realizzare giocattoli educativi che servano e che non si limitino ad attrarre. Una gamma di proposte educative ma divertenti nell’approccio, come i famosissimi chiodini, le lavagne con numeri e lettere magnetiche, le tavole di ingranaggi e le piste di biglie e i mosaici.